Home

Anticorruzione - Trasparenza amministrativa
"Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella Pubblica Amministrazione"

La legge n. 190/2012, nel complesso, reca misure volte a prevenire e reprimere la corruzione e l’illegalità nella PA ed introduce nel Codice Penale modifiche alla disciplina dei reati contro la Pubblica Amministrazione.

In particolare, all'art. 1, comma 32 pone obblighi inerenti la trasparenza amministrativa gravanti sia sulle P.A. che sulle società partecipate da queste ultime e sulle loro controllate.

La disposizione normativa in oggetto prescrive quanto segue: "[...] le stazioni appaltanti sono in ogni caso tenute a pubblicare nei propri siti web istituzionali: la struttura proponente; l'oggetto del bando; l'elenco degli operatori invitati a presentare offerte; l'aggiudicatario; l'importo di aggiudicazione; i tempi di completamento dell'opera, servizio o fornitura; l'importo delle somme liquidate [...]. Le amministrazioni trasmettono in formato digitale tali informazioni all'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, che le pubblica nel proprio sito web in una sezione liberamente consultabile da tutti i cittadini, catalogate in base alla tipologia di stazione appaltante e per regione. L'Autorità individua con propria deliberazione le informazioni rilevanti e le relative modalità di trasmissione. Entro il 30 aprile di ciascun anno, l'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture trasmette alla Corte dei conti l'elenco delle amministrazioni che hanno omesso di trasmettere e pubblicare, in tutto o in parte, le informazioni di cui al presente comma in formato digitale standard aperto."

 

La Deliberazione n. 26 del 22 maggio 2013, unitamente alle "Specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati ai sensi dell'art. 1 comma 32 Legge 190/2012" emanate dall'AVCP (Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture) prevedono, nel dettaglio, le modalità tecniche e giuridiche con le quali devono essere effettuate le pubblicazioni di

  • procedure i cui bandi di gara sono stati pubblicati a partire dal 1/12/2012 ovvero, le cui lettere di invito e/o richieste di presentazione dell’offerta (nel caso di procedure senza previa pubblicazione di bando) siano comunque successive a tale data

secondo le modalità specificate, in particolare per quanto concerne il contenuto obbligatorio ed il formato dei file (standard aperto XML) dandone comunicazione alla competente Autorità per la vigilanza mediante l'invio via PEC del modulo PDF compilato, predisposto dalla stessa Autorità.

Il termine individuato dall'art. 6 della deliberazione n. 26 del 22 maggio 2013 (pubblicata nella G.U. 134 del 10/06/2013) per l'effettuazione di queste operazioni è stato prorogato al 31 gennaio 2014.

Le P.A. e le loro società partecipate devono dunque provvedere alla pubblicazione sui propri siti delle informazioni richieste mediante uno specifico file (XML) e poi svolgere, sempre in modalità digitale, la procedura di trasmissione dei dati all'Autorità competente (PDF predisposto da AVCP).

Gruppo SE.CO.GES. offre agli Enti ed alle Aziende interessati gli strumenti necessari per provvedere alla pubblicazione sui propri siti di quanto richiesto al fine di ottemperare in modo esaustivo ai suddetti precetti normativi.

L’applicativo, fruibile totalmente on-line e utilizzabile da un qualsiasi browser web di ultima generazione, consente l’inserimento, la gestione dei propri dati e la generazione dei file XML, secondo le specifiche tecniche dettate da AVCP, per la pubblicazione annuale sui propri siti web.

Acquisto MePA

Il servizio è concesso in licenza d’uso mediante un abbonamento acquistabile agevolmente in MePA, a costi estremamente competitivi.